Untitled Document


CCNL Ania: intesa su certificato malattia ed AISA

Dopo l’incontro con ANIA svoltosi a Roma del 12/02 u.s. le OO.SS. e ANIA, in data 21 febbraio, hanno sottoscritto due verbali d’intesa: uno sulla modalità di presentazione del certificato di malattia e l’altro su AISA.

CERTIFICATO MALATTIA

A dicembre 2017 ANIA ha diramato una circolare alle aziende sulle modalità di presentazione del certificato di malattia, con la propria interpretazione relativa alle disposizioni INPS concernenti le procedure di rilascio dell’attestazione di malattia mediante il sistema SAC.

Queste Segreterie Nazionali hanno subito contestato l’interpretazione ANIA della “Dichiarazione delle Parti” a margine dell’art. 43 ( vedi comunicati sindacali del 21/12/2017 e 17/01/2018) che, a suo avviso, prevedeva la presentazione del certificato medico anche nel caso di malattia di soli due giorni, limitando quanto disposto all’art. 43,1° comma.

Dopo un acceso confronto sull’argomento che si è sviluppato in tre incontri, ha prevalso l’ottica costruttiva delle relazioni sindacali e, ferme restanti le diverse interpretazioni delle Parti, si è tuttavia individuata un’intesa per l’intera vigenza contrattuale.

L’intesa, nel confermare i due giorni di franchigia previsti dall’art. 43, primo comma, in caso di malattia, chiarisce che il certificato medico deve essere presentato entro il secondo giorno solo nei casi in cui la malattia abbia durata superiore a due giorni.

Le Parti, anche alla luce di eventuali sviluppi normativi, si incontreranno entro la scadenza del vigente CCNL per definire una soluzione condivisa sul tema.

AISA

In virtù della centralità che il sindacato ha dato al tema dell’area contrattuale e dei risultati conseguiti nell’ultimo rinnovo del CCNL ANIA, le OO.SS. e ANIA hanno condiviso, oltre alla Dichiarazione convenuta nell’ambito dell’art. 1 del CCNL del 22/02/2017 su percorso di inclusione di AISA in ANIA, una nuova Dichiarazione delle Parti che verrà inserita nell’ambito dell’art.3, che prevede la sottoscrizione in sede ANIA del CCNL applicabile ai dipendenti delle società di assistenza ed assicurazione.

Ricordiamo che detto Contratto riguarda circa 2.000 lavoratori nell’ambito del ciclo produttivo assicurativo, fino ad oggi fuori dall’area contrattuale ANIA.

In sostanza, la Dichiarazione indica ANIA come unico agente contrattuale e ribadisce la presenza del contratto per le società di assistenza, confermando le sue specificità (già presenti oggi nel CCNL AISA). Nelle prossime settimane le Parti si incontreranno per discutere gli aggiornamenti economici e tecnici da apportare alla suddetta regolamentazione.

DARAG ITALIA
(assicurazione diretta ramo danni con sede a Milano)

Nel corso dell’incontro con ANIA del 12/02 u.s. abbiamo posto con forza la necessità di un intervento di ANIA su DARAG che il 24 gennaio u.s. ha aperto la procedura degli art. 15 e 16 del CCNL ANIA.
Nei fatti non si è consentito nessun confronto con il sindacato come previsto dalla procedura dell’art.15 e sono stati dichiarati 40 esuberi su 82 lavoratori con contestuale annuncio di esternalizzazione di attività.

E’ una situazione inaccettabile: si insiste con il voler vanificare e non rispettare le procedure previste dagli art. 15 e 16, procedendo direttamente con gli esuberi senza aver esperito tutte le possibili soluzioni previste nel primo articolo; inoltre, dichiarare esuberi da una parte e procedere con l’esternalizzazione di attività dall’altra, è assolutamente in contraddizione oltre che in contrasto con le previsioni del recente rinnovo del CCNL.

Roma, 21 febbraio 2018
LE SEGRETERIE NAZIONALI