Untitled Document




1 - Funzionamento

Il presente regolamento disciplina il funzionamento dell'Ente Nazionale Bilaterale del settore Agenzie di ASSicurazione, in seguito più brevemente denominato "ENBASS", costituito il 2.7.2010 ai sensi del CCNL di categoria; in particolare, definisce le attività svolte da ENBASS per l'attuazione degli scopi previsti dallo Statuto e le linee di indirizzo per il funzionamento e l'organizzazione interna dell'Ente; integra quanto non esplicitamente previsto dallo Statuto. Il presente regolamento interno è stato approvato a Roma in data 10 dicembre 2012 e quindi aggiornato in data 26 maggio 2015 dall'Assemblea dell'ENBASS, cosi come prevede lo Statuto, per disciplinare i rapporti tra ENBASS e i Soci tutti, tra i vari organi dell'Ente, ed altri aspetti attinenti al funzionamento dell'Ente stesso.
Il funzionamento dell'ENBASS è retto, oltre che dalle disposizioni dello Statuto, da questo Regolamento che vincola tutti i Soci e forma parte integrante del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Settore. Pertanto, per quanto non espressamente previsto nel presente Regolamento, s'intendono richiamate le norme dell'atto costitutivo, dello Statuto e le disposizioni del CCNL e dagli accordi sottoscritti dalle parti sociali a livello nazionale.
La determinazione degli obiettivi è prevista negli articoli 3 e 4 del vigente CCNL di settore e nello Statuto dell'Ente, mentre l'indirizzo spetta all'Assemblea, la quale dovrà fornire conseguenti indicazioni per l'attuazione degli obiettivi.
Le deliberazioni dell'Assemblea sono vincolanti per tutti i Soci.
Il Presidente cura ed emana le disposizioni necessarie all'esecuzione delle deliberazioni assunte dal Comitato Esecutivo e dall'Assemblea; ha la supervisione dell'attività dell'Ente; adempie a tutte le funzioni che gli siano state affidate dallo Statuto, dal presente Regolamento o dal Comitato Esecutivo.
Non può conferire i suoi poteri ad un terzo, ma può delegare compiti esplicitamente definiti ad uno o più membri del Comitato.

Art. 2 - MODALITÀ DI FINANZIAMENTO / CONTRIBUZIONE

Il finanziamento dell'Ente, non essendoci stata alcuna diversa, concorde ed esplicita manifestazione di volontà contraria delle Parti contraenti, avverrà nella misura e con le modalità previste dagli articoli 3 e 4 del CCNL vigente.
La quota a carico del Lavoratore é trattenuta dal datore di lavoro all'atto del pagamento delle 14 rate di retribuzione annuali. Il relativo importo deve essere indicato con apposita voce nella busta paga e nel libro unico.
Le quote a carico dei lavoratori e dei datori di lavoro, necessarie per assicurare operatività e fornire efficienti servizi ai lavoratori e ai datori di lavoro, dovranno essere versate all'Ente avvalendosi esclusivamente del sistema di accredito attraverso il modello F24 (con indicazione del codice "ENBA"), indicando le causali del versamento secondo lo schema definito con INPS, che si allega al presente Regolamento.
I versamenti delle quote di cui al precedente punto dovranno avvenire nel mese successivo a quello di erogazione dello stipendio.
Le quote dovranno essere versate con cadenza mensile contemporaneamente alla scadenza INPS. In caso di ritardato versamento saranno dovuti gli interessi di mora nella misura del prime rate A.B.I. calcolato trimestralmente senza che ciò pregiudichi il diritto dell'Ente ad adire le vie legali.
I servizi resi dall'Ente e dalle sue Commissioni sono dedicati all'effettuazione delle attività previste a favore degli aderenti; pertanto, chi intenda avvalersene, per il tramite delle Associazioni di categoria e le rappresentanze sindacali, è tenuto a comprovare l'avvenuto versamento della quota di competenza prevista dal CCNL per le attività dell'Ente, nonché il rispetto completo del CCNL in vigore.
L'Agenzia, o il Consulente da questa delegato, deve registrarsi nel portale www.enbass.it, previo rilascio di apposita password dall'Ente stesso, ed effettuare on line la comunicazione contributiva mensile, indicando il numero dei dipendenti divisi per uomini e donne (di cui a full time e a part-time, contratti di apprendistato, contratti a tempo determinato e altre tipologie), le loro retribuzioni e il riepilogo delle quote versate.

Se inviati per posta, tali riepiloghi dovranno essere sottoscritti dai datori di lavoro, quali responsabili delle omissioni e/o inesattezze contenute negli elenchi. L'ente Bilaterale potrà inoltre avvalersi delle entrate derivanti da:
- eventuali contributi, erogazioni liberali di soggetti pubblici o privati;
- altri proventi derivanti da iniziative che diano esecuzione agli scopi associativi;
- qualsiasi altro mezzo di cui possa valersi nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Art. 3 - ATTIVITÀ

I compiti di ENBASS saranno quelli presenti nello Statuto e/o previsti dal CCNL e dagli accordi sottoscritti dalle parti sociali a livello nazionale.
Le attività di competenza di ENBASS possono essere così sintetizzate:

1 - ANALISI, RICERCHE, FORMAZIONE
a) Coordinare le attività dell'Osservatorio Nazionale previste dagli artt. 7 e 8 dello Statuto Enbass e dall'art. 4 comma 2 e 3 del CCNL.;

2 - COMMISSIONE PARITETICA NAZIONALE
Essere segreteria operativa della Commissione, in attuazione dell'art.5 del CCNL, cui sono attribuiti i seguenti compiti:
a)esprimere pareri interpretativi delle norme del presente CCNL, vincolanti per le parti contraenti qualora assunte all'unanimità;
b) definire le norme operative per l'attività delle Commissioni di conciliazione territoriali;
c) esaminare le istanze delle parti per la eventuale identificazione di nuove figure professionali;
d) elaborare eventuali documenti di supporto alla successiva contrattazione di rinnovo;
e) esaminare eventuali controversie insorte in merito ai nuovi inquadramenti, esprimendo le necessarie risoluzioni.
La Commissione Paritetica Nazionale sarà convocata ogni qualvolta se ne ravvisi l'opportunità o quando ne faccia richiesta scritta e motivata una delle parti contraenti.

3 - ORGANISMO PARITETICO NAZIONALE
a) Essere segreteria operativa dell'Organismo, istituito ai sensi del D.Lgs. 81/2008, con la gestione delle cedole orarie di cui all'Allegato 3 (Accordo applicativo del D.Lgs. 81/2008), assolvendo le funzioni, previste dall'intesa, inerente all'individuazione dei R.L.S./R.L.S.T. ed alla relativa formazione ed aggiornamenti.

4 - PERMESSI SINDACALI
a) Gestire le cedole orarie e i rimborsi relativi ai permessi sindacali entro 12 mesi dall'inizio della riscossione dei contributi.

5 - ASSISTENZA
Provvedere, sulla base dei contratti e accordi collettivi stipulati tra le parti, a:
a) gestire direttamente le attività di rimborso ai datori di lavoro delle assenze lavorative per malattia dei lavoratori iscritti (Allegato A);
b) gestire attraverso la funzione CASSA le prestazioni previdenziali e assistenziali a favore dei Soci effettivi iscritti (Allegato B).

Art.4 - MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO

Nell'ambito dell'Ente Bilaterale viene istituita una Segreteria che ha il compito di assicurare l'organizzazione gestionale ed amministrativa dell'Ente stesso.
Il Comitato Esecutivo dell'Ente Bilaterale si riunisce ordinariamente almeno due volte l'anno, con la possibilità di realizzare ulteriori riunioni in relazione all'esigenza di seguire e approfondire i progetti e le iniziative avviate in seno all'Ente.
La convocazione ordinaria delle riunioni è effettuata dalla Segreteria, per iscritto, anche a mezzo fax o posta elettronica, verificandone la regolare ricezione, almeno 10 giorni prima della data fissata e deve contenere l'ordine del giorno, l'eventuale documentazione, il luogo e l'ora di inizio della stessa.
I componenti impossibilitati a partecipare alle riunioni dovranno darne tempestiva comunicazione alla Segreteria dell'Ente Bilaterale stesso.
I soli membri dell'Assemblea possono farsi rappresentare alle riunioni della stessa da altro membro dello stesso organismo, mediante delega scritta consegnata al delegato anche mediante telefax o posta elettronica; ogni membro potrà essere portatore al massimo di una delega. Le deleghe sono conservate dall'ENBASS.
IIverbale delle riunioni, approvato a conclusione delle stesse, deve contenere le presenze, gli argomenti trattati e le decisioni assunte; deve essere trasmesso ai componenti entro i 15 giorni successivi alla riunione.
In applicazione a quanto previsto nell’art.18 comma 8 dello statuto, il comitato esecutivo ha facoltà, nei casi consentiti dalla legge e per argomenti specifici, di deliberare con consultazione scritta, via pec o fax.
La procedura di consultazione scritta non è soggetta a particolari vincoli e potrà svolgersi con le modalità sotto riportate, purché sia assicurato a ciascun componente il diritto di partecipare alla decisione e sia assicurata a tutti adeguata informazione in merito al suo oggetto.
La decisione è adottata mediante approvazione per iscritto di un documento che contenga il medesimo testo di decisione, purchè si raggiunga la maggioranza degli aventi diritto in relazione a quella deliberazione.
Il procedimento decisionale in forma scritta dovrà concludersi entro 7 (sette) giorni di calendario dal suo inizio; il componente che, entro il termine di cui sopra, non comunica espressamente il proprio consenso od il proprio dissenso è considerato contrario alla proposta avanzata.

La documentazione relativa alle decisioni così assunte deve essere conservata dalla segreteria dell’ente, che dovrà comunicare a tutti se la decisione è stata validamente assunta ovvero se è stata respinta, indicando il numero dei favorevoli, dei contrari, degli astenuti e di chi non si è pronunciato.
Per le riunioni del comitato esecutivo è prevista inoltre la possibilità che esse avvengano per teleconferenza o videoconferenza, a condizione che:
- sia consentito al presidente di accertare l'identità degli intervenuti, regolare lo svolgimento della riunione, constatare e proclamare i risultati delle eventuali votazioni;
- sia consentito a ciascun intervenuto di seguire la discussione, visionare, ricevere o trasmettere documenti, intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti affrontati e partecipare alla eventuale votazione simultanea degli stessi;
- siano indicati nell'avviso di convocazione i luoghi audio/video collegati a cura della associazione, nei quali gli intervenuti potranno affluire.
Verificandosi tali condizioni, la riunione si considera tenuta nel luogo in cui si trova il Presidente.

Art.5 - COSTI DI AMMINISTRAZIONE

Le spese di funzionamento e di amministrazione dell'Ente, nonché quelle di funzionamento degli organi sociali, quando non diversamente stabilito, vanno prelevate dai contributi versati ai sensi del precedente art. 2, prima che essi vadano trasferiti agli eventuali gestori finanziari delle risorse.

Art.6 - REQUISITI

A) degli Organi

I rappresentanti che siedono negli organi, designati dalle parti costitutive di ENBASS, dovranno possedere:
- i requisiti di moralità di cui all'art. 5, comma 1 lett. d) del d.lgs. 276/03;
- i requisiti minimi di professionalità che consentano l'espletamento del mandato nella piena consapevolezza e conoscenza degli ambiti in cui opera ENBASS. Fatte salve le indicazioni legislative già previste da specifiche norme di legge, per requisito minimo si intende l'aver maturato significative esperienze professionali, anche all'interno di associazioni sindacali o di categoria, in ruoli coerenti con i compiti di ENBASS .

B) del personale di struttura
II personale operante presso ENBASS andrà selezionato con riferimento a titoli di studio ed esperienze pregresse coerenti con le mansioni da assegnare e conseguentemente con i livelli di inquadramento previsti dal CCNL legalmente applicabile in vigore.

Art.7 - ESERCIZIO SOCIALE

L'esercizio finanziario inizia il 1° gennaio e si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Il bilancio annuale deve essere redatto secondo le disposizioni civilistiche e fiscali previste dalla
legislazione vigente.
Al fine di improntare alla massima efficacia l'azione di ENBASS, vengono individuati i seguenti criteri:

A) budget previsionale e bilancio consuntivo

Il budget previsionale e il bilancio consuntivo saranno redatti secondo i seguenti principi: - adozione di usuali criteri di contabilità analitica;
- evidenza delle voci in entrata e in uscita;
- evidenza analitica delle spese di funzionamento, individuando le spese di gestione, i costi del personale e i compensi degli organi, nel rispetto delle normative fiscali e contributive.
Il budget previsionale sarà presentato dall'Esecutivo all'approvazione dell'Assemblea dei Soci e sarà accompagnato da una relazione programmatica sulle risorse disponibili e sulle attività da svolgersi.
Il bilancio consuntivo dovrà essere certificato dal Collegio sindacale.

B) relazione consuntiva annuale sull'andamento della gestione

La relazione annuale, prevista dallo Statuto di ENBASS, dovrà riguardare l'andamento della gestione anche rispetto agli obiettivi, l'andamento dell'attività in corso anche con riferimento alla quantità e qualità dei servizi resi, l'individuazione del rapporto ottimale fra risorse -attività - servizi, nonché le verifiche effettuate dai Sindaci.

Art.8 - CRITERI PER L'ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E CONSULENZE

La Presidenza è delegata dall'Esecutivo a compiere tutti gli atti di ordinaria amministrazione, compresi quelli di spesa, necessari alla gestione corrente dell'ENBASS nell'ambito delle procedure e dei limiti stabiliti nel budget previsionale e dal regolamento dell'ENBASS.
Le disposizioni del Regolamento sono finalizzate ad assicurare che l'affidamento di servizi e forniture avvenga in termini temporali ristretti e con modalità semplificate, nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza, ed economicità dell'azione amministrativa oltre che dei principi di libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità e pubblicità.
Per l'affidamento di incarichi ad operatori esterni delle società di servizi, I' ENBASS dovrà adottare criteri di selezione, oggettivi e misurabili, degli operatori esterni delle società medesime, secondo principi di professionalità ed economicità con riferimento ai costi ed alla tipologia di servizi resi, valutando comparativamente almeno 3 offerte.
Pertanto, ogni spesa superiore ad € 5.000,00 e inferiore a € 1.000.000,00 sarà effettuata previa gara che preveda la valutazione comparativa, anche a trattativa privata, di almeno tre offerte alternative e provenienti da fornitori/prestatori di servizi, diversi e non collegati tra di loro. Al di sopra di tali limiti di cifra si procederà con licitazione a busta chiusa. Per tali prestazioni dovrà essere adottata una procedura di trasmissione e valutazione delle offerte, tesa a garantire la massima segretezza.
Nella valutazione delle offerte non dovrà essere seguito necessariamente il criterio del massimo ribasso, bensì una valutazione complessiva dell'offerta maggiormente vantaggiosa. Gli incarichi di consulenza, che saranno affidati a professionisti indicati negli elenchi predisposti dall' ENBASS, non potranno avere durata complessiva superiore (compresi eventuali rinnovi e/o proroghe) al mandato degli Organi che provvedono al conferimento dell'incarico medesimo. Qualora l'incarico sia di durata superiore all'anno, l'Esecutivo procederà, con cadenza annuale, alla verifica delle prestazioni rese ed a quelle ancora da fornire.

Art.9 - AMMINISTRAZIONE E COMPENSI
Tutte le cariche elettive e gli incarichi sono gratuiti, salvo il rimborso a piè di lista delle spese effettivamente sostenute per ragioni dell'attività, regolarmente documentate, secondo le modalità indicate dalla Presidenza.
L'Assemblea può deliberare di assegnare indennità annuali in misura fissa al momento della nomina. E' vietata, in ogni caso, la corresponsione di emolumenti individuali annui superiori al compenso massimo previsto dal D.P.R. 645/1994 e dal decreto legge n.239/1995, convertito nella legge n.336/1995 e successive modifiche ed integrazioni, per il Presidente del Collegio Sindacale delle società per azioni.

Art.10 - COMUNICAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSENSO AI SENSI DELLA D. Lgs. 196/2003

Il datore di lavoro deve trasmettere all'Ente, nelle modalità che saranno individuate, le dichiarazioni di consenso ai sensi della D. Lgs. 196/2003 (privacy) e la relativa informativa, debitamente sottoscritte, sua e dei dipendenti. Tali documenti devono essere inviati una sola volta per ognuno. Essi sono indispensabili perché l'Ente possa provvedere alle prestazioni previste dal presente regolamento. Il lavoratore, pertanto, è tenuto alla relativa sottoscrizione del documento e il datore di lavoro al celere inoltro degli stessi.

Art. 11 - FORO ESCLUSIVO

Tutte le controversie derivanti dall'attuazione dello Statuto e del presente Regolamento, comprese quelle connesse alla loro interpretazione, applicazione e, più in generale, all'esercizio dell'attività, che dovessero insorgere, saranno sottoposte in via esclusiva e inderogabile al Foro della città in cui è ubicata la sede legale dell'ENBASS.

Art. 12 - MODIFICHE AL REGOLAMENTO

Le disposizioni contenute nel presente Regolamento potranno essere riesaminate per volontà dell'Assemblea dei Delegati; nel caso in cui, per effetto di leggi o provvedimenti, si determinino situazioni nuove che incidano sull'assetto normativo, il Comitato Esecutivo procederà a conformarsi a tali leggi e provvedimenti, sottoponendo in seguito gli aggiornamenti all'approvazione dell'Assemblea.

CCNL agenzie di assicurazione Anapa Rete ImpresAgenzia del 18/12/2018 Statuto di E.N.B.Ass.

Articolo precedente in questo testo: Disposizioni finali
Articolo corrente: Funzionamento
Articolo successivo in questo testo: Sezione Rimborsi assenze

made with   Pingendo logo