Untitled Document


Mi presento sono Milva Bertoldo, faccio parte dell'Assemblea Enbass per la Fisac

Sono Milva Bertoldo, di Vicenza.
Lavoro da circa 30 anni come impiegata di Agenzia Assicurativa in gestione libera.

La nostra categoria comprende tante piccole realtà e, se pensiamo che ogni agenzia ha in media 2-3 dipendenti, questo comporta una difficoltà oggettiva: quella di poter colloquiare tra di noi, molto spesso anche di conoscerci e di riconoscerci per fare rete e trovare le soluzioni per le questioni che ci riguardano.

Per anni ho partecipato alle attività sindacali come potevo, per non entrare in conflitto con il datore di lavoro.
Poi, dalla manifestazione tenutasi a Trento nel 2015 contro il contratto "pirata" ed il suo ideatore, Claudio Demozzi, sono “uscita allo scoperto” diventando una R.S.A.

Il 27 novembre ho avuto la nomina in ENBASS, quale membro dell’Assemblea, Assemblea che il 4 dicembre u.s. ha eletto come nuovo Presidente Salvatore Efficie.
Assume un’importanza particolare per noi dell’appalto assicurativo il fatto di aver votato questo nuovo Presidente (in quota Fisac/Cgil), che è stato scelto dai componenti delle varie sigle sindacali che rappresentano noi lavoratrici e lavoratori (FISAC/CGIL, FIRST/CISL, UILCA/UIL e F.N.A.) e da chi rappresenta la parte datoriale (ANAPA).

Fisac/Cgil oltre a me, ha indicato come membro dell'Assemblea di Enbass anche un’altra collega di agenzia: Silvia Grasselli di Genova.
Per la prima volta nella storia del nostro settore noi, che nelle agenzie ci lavoriamo quotidianamente e ben conosciamo le dinamiche e le problematiche della categoria, siamo state chiamate a rappresentare al meglio i nostri colleghi e colleghe.

E' un'opportunità eccezionale di fare sindacato dal basso (Maurizio Landini docet!) di cui non posso che ringraziare tutti i compagni e le compagne che ci hanno fin qui sostenuto per tutti questi anni ed in particolare Sasà Efficie, Barbara Malini (con cui lavoro da 27 anni nel territoriale di Vicenza) e la Segretaria Nazionale Fulvia Busettini che ha reso possibile questo passaggio davvero epocale.