Bancari: al via le assemblee in preparazione dello sciopero del 31 ottobre



ASSEMBLEE GENERALI
in preparazione dello sciopero di tutta la categoria
del 31 ottobre 2013

Lunedì 16 settembre, con circa 10 mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale, i banchieri hanno disdettato il Contratto Nazionale di Lavoro di Settore, una decisione irresponsabile assunta nel momento peggiore della crisi del Paese.

Le cause di tutti i mali del settore secondo l’Abi, vengono da fattori esterni ( crisi economica e fiscalità ) e interni (i vincoli economici e normativi del CCNL) e prova ad approfittare del momento di insicurezza che investe la società, le imprese e le famiglie per scaricare i costi sulla fiscalità generale (cioè sui contribuenti italiani) e sui lavoratori (cioè su salari e occupazione), tacendo sull’incapacità del top management del settore di aumentare i ricavi attraverso progetti industriali innovativi, e sulle gravi responsabilità degli alti vertici aziendali riguardo alla crescita esponenziale delle sofferenze.

In una fase in cui occorrono coesione sociale e senso di responsabilità il settore bancario non accetta di fare la propria parte per lo sviluppo e per la crescita: si disimpegna da ogni suo ruolo e funzione produttiva e approfitta per lucrare a spese dei più deboli . E così i lavoratori del settore vengono etichettati come troppo vecchi, scarsamente motivati, culturalmente distanti dalle nuove esigenze delle banche, e il costo del lavoro poco “flessibile”. Insomma Abi intende scaricare la cattiva organizzazione del settore, frutto di scelte manageriali, interamente sui lavoratori.

TUTTO CIO’ E’ VERGOGNOSO E INACCETTABILE
E
IMPONE UNA RISPOSTA COMPATTA

Parliamone tutti in assemblea nei nostri territori utilizzando il diritto a partecipare, conquistato in anni lontani, ed esteso dalla normativa più recente anche alle unità produttive più piccole:

In base agli ultime disposizioni non possono partecipare all’assemblea le sole filiali con meno di tr
e dipendenti.
“I lavoratori delle unità produttive che occupino da 3 a 7 dipendenti possono partecipare, nel limite di 5 ore annue, alle assemblee indette presso l’unità produttiva più vicina presso la quale l’assemblea stessa sia indetta a norma del presente accordo, assicurando comunque l’operatività degli sportelli”.

Le Segreterie Prov.li

____________________________________________________________

IN ALLEGATO IL CALENDARIO DELLE ASSEMBLEE DI VICENZA E PROVINCIA

ALLEGATO
Comunicato ai bancari e alle bancarie vicentini/e

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su