MPS: Banconote sospette di falsità



Ricordiamo a tutte le Lavoratrici e tutti i Lavoratori che lo scorso 15 giugno è stata pubblicata la circolare aziendale D2329 riguardante la “Gestione procedimenti amministrativi per violazione disposizioni applicative relative al ritiro della circolazione di banconote e monete metalliche in euro sospette di falsità”.

In considerazione della delicatezza della materia, e delle sanzioni amministrative previste anche per i dipendenti della banca, consigliamo ai colleghi interessati la lettura integrale della circolare e di prestare la massima attenzione al corretto svolgimento degli adempimenti previsti nei tempi descritti dalla normativa e dalla legge di riferimento.

Nello specifico ci preme evidenziarvi che le modalità ed i tempi per la presentazione della denuncia sono indicati nel D2101 al paragrafo 4.11.1 come di seguito:

“Il verbale, come previsto dall’Art. 5 del Decreto 28/04/2016, deve essere obbligatoriamente compilato (con la Trx BFAL o da PaschiFace), sia per le banconote e monete presentate allo sportello sia per le banconote rinvenute nei cash-in/cassa continua (per queste casistiche la data da indicare sul verbale è quella di apertura del mezzo forte in cui si è rinvenuta la banconota) all’atto della individuazione delle banconote o monete sospette di falsità, e comunque entro il quinto giorno lavorativo successivo; a tal proposito si evidenzia che, in base a quanto disposto nella sentenza del 28 febbraio 2018, n.9171 della Corte Suprema di Cassazione, il sabato è considerato un giorno lavorativo.”

Siamo a disposizione per ogni chiarimento e vi invitiamo a contattarci nel caso vi venisse recapitato il verbale di contestazione da parte del MEF.

Sonia Ragno, Stefania Presta, Maurizio Framba
RSA FISAC CGIL MPS

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su