06 E’ in arrivo un bebè: diritti e doveri 03 Diritto alla tutela della salute della lavoratrice madre

Il T.U. dedica anche un’intera parte alla tutela della salute delle lavoratrici madri (T.U. Capo II). La novità principale è che tale protezione è stata estesa anche alle lavoratrici che hanno accolto i bambini in adozione o affidamento (D. Lgs. 151/2001 art. 6).

In questa sezione del T.U. è stato disposto il divieto di adibire le lavoratrici al trasporto o sollevamento di pesi, nonché a lavori pericolosi, faticosi e insalubri per tutto il periodo di gestazione e fino a sette mesi dopo il parto.

La legge prevede il diritto della lavoratrice a essere adibita ad altre mansioni non solo per coloro che sono addette a lavori pericolosi, faticosi o insalubri, ma anche quando le condizioni di lavoro e ambientali sono comunque pregiudizievoli alla salute della donna.

Se la futura mamma teme che le mansioni o l’ambiente di lavoro possano mettere a rischio la sua gravidanza può rivolgersi alla Direzione Provinciale del Lavoro.

Un certificato medico è sufficiente per esonerare la donna in gravidanza dall’utilizzo delle cinture di sicurezza in automobile (è comunque consigliato l’uso di apposite cinture per donne gravide).

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su