08 Congedo di maternità e paternità 11 Congedo di paternità nei casi di morte/abbandono madre o affidamento esclusivo al padre

L’art. 28 del T.U. riconosce al padre lavoratore il diritto di astenersi dal lavoro, nei tre mesi successivi alla nascita del figlio, in caso di:

• morte o grave infermità della madre;
• abbandono del figlio da parte della madre;
• affidamento esclusivo al padre.

In questi casi, il padre acquisisce un diritto autonomo, indipendente dalla condizione di lavoratrice o meno della madre.

In caso di adozione o affidamento di minori, il padre puo’ fruire del congedo qualora la madre lavoratrice rinunci totalmente o parzialmente al congedo di maternità.

Per avvalersi del congedo di paternità, il padre deve presentare al datore di lavoro:

• in caso di grave infermità della madre, la certificazione medica relativa;
• in caso d’abbandono, un’autocertificazione ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000 (dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà);
• in caso di affidamento unico, la documentazione relativa;

• in caso di rinuncia della madre adottiva o affidataria, l’apposita dichiarazione di responsabilità predisposta nella domanda telematica.

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su