Inserimento voce per importi variabili corrisposti nel mese

Su richiesta di alcuni comprensori è stato inserito un nuovo campo “importi variabili del mese” che non viene computato nè in straordinario, nè in festività (indennità sostitutiva o festività da pagare in misura aggiuntiva) e permette di gestire le voci variabili che appaiono talvolta in alcune buste paga (spesso si tratta di importi corrisposti alla voce “premio” o “acconto futuri aumenti”). Il programma di default non inserisce questi importi nel computo del TFR: l’operatore – una volta valutata la continuità di tali voci – puo’ decidere che entri a far parte dell’imponibile ai fini del TFR cliccando su apposita casella “altri importi in TFR”

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su