Dipendenti delle Agenzie di Assicurazione senza contratto dal 31/12/2008: agenti SNA ‘Vergognatevi!!’



Più di 2 anni dalla firma del CCNL del 4/2/2011 ed ancora gli impegni sottoscritti non vengono ‘onorati’

Il Sindacato Nazionale Agenti, il Presidente Claudio Demozzi e il suo gruppo dirigente nazionale, nel corso dell’ultima riunione del Comitato Centrale hanno messo in scena l’ennesima beffa ai danni delle Lavoratrici e dei Lavoratori dipendenti che attendono l’adeguamento dei loro stipendi bloccati da quasi 5 anni, rifiutando qualsiasi ipotesi di soluzione.

Lo
SNA ha deciso di arroccarsi sempre di più e con la costante perdita di credibilità del suo gruppo dirigente, rischia di essere sempre meno rappresentativa fino a diventare una parte minoritaria nel settore delle agenzie in gestione libera.

Le OO. SS. hanno lavorato fino all’ultimo minuto per ricercare una soluzione che mirasse almeno a riallineare gli stipendi e mirasse al pagamento degli arretrati contrattuali, visto che
a una parte consistente della categoria si applica il rinnovo del CCNL sottoscritto a febbraio 2011, successivamente onorato da UNAPASS e da migliaia di Agenti, anche iscritti Sna, che hanno invece deciso di rispettare i loro dipendenti, riconoscendo il ruolo centrale che hanno all’interno delle agenzie.

In questi mesi, il Vice Presidente Sna dott. G. Guidolin responsabile delle trattative, coadiuvato dal dott. Agliata e dal dott. Guttadauro insieme ai Responsabili nazionali Unapass e alle Organizzazioni sindacali di settore, avevano costruito una mediazione che risolveva la vacanza contrattuale della parte economica per il triennio 2009/2011(con il riconoscimento degli arretrati contrattuali), ponendo le basi per affrontare unitariamente il rinnovo del triennio 2012/2014 sulla base del ccnl vigente.

Arrivati al dunque, la Presidenza Sna, sconfessando per l’ennesima volta e clamorosamente i propri delegati, ha rimesso totalmente in discussione il lavoro svolto dalle parti durante le complesse trattative, facendo perdere la faccia al suo vice presidente e costringendolo alle dimissioni.

La strada intrapresa dallo Sna è senza uscita.

Tenere in ostaggio le Lavoratrici e i Lavoratori calpestando i loro diritti, significa negare la legittima aspettativa di chi, ogni giorno, fa funzionare con dedizione e professionalità le agenzie, nonostante il mancato rinnovo del proprio contratto collettivo di lavoro.

Le
Organizzazioni Sindacali Nazionali Fiba/Cisl Fisac/Cgil FNA Uilca, alla luce della situazione creatasi nel settore e anche in considerazione della costituzione di una nuova associazione datoriale rappresentativa degli agenti, ANAPA, incontrata nello scorso 17 aprile, si riuniranno per adottare una strategia complessiva volta a garantire l’applicazione e la tutela dei diritti economici e normativi per tutte le Lavoratrici e i Lavoratori del settore e daranno prontamente le informazioni sulla evoluzione della situazione e su tutte le iniziative, anche di protesta, che saranno messe in atto per raggiungere gli obiettivi che la categoria si aspetta.

Maggio 2013
Le Segreterie Nazionali

ALLEGATO
Comunicato unitario

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su