Veneto Banca: Peri$copio edizione del 9/9/2013



Vero o falso?!

Continuano ad arrivarci richieste di informazioni sulle giornate volontarie di solidarietà. Sembra an- che che girino voci incontrollate che offrono interpretazioni difformi da quanto concordato al tavolo negoziale. Pazienza … c’è sempre qualcuno più realista del Re che, nell’ansia di compiacere l’Azienda, finisce per cadere nel ridicolo.

Pubblichiamo qui di seguito alcune delle risposte che ci sembrano più significative, ribadendo che ovviamente la Fisac rimane a disposizione anche per risposte individuali.

1) Se chiedo di aderire alle giornate di solidarietà devo fare almeno 5 giorni?
Falso. Si possono chiedere da una a più giornate.

2) Le giornate che chiedo devono essere consecutive?
Falso. L’importante è concordare il calendario delle giornate con l’azienda.

3) È vero che la RAL (retribuzione annua lorda), che mi serve ai fini del conteggio per avere indicazione di quale sia il costo a mio carico, corrisponde a quanto indicato nel CUD alla casella 1 del quadro B?
Falso, casomai ci si può riferire (indicativamente, perché la RAL può subire variazioni di anno in anno) alla casella 4 quadro C Imponibile Previdenziale.

4) È vero che se non faccio ora volontariamente le giornate di solidarietà dovrò farle obbligatoriamente nel 2014?
Falso. Solo a gennaio 2014 si prenderanno delle decisioni in materia valutando una serie di presupposti ora non prevedibili. La Fisac, che si è già opposta al ricorso all’obbligatorietà nel 2013, non accetterà, se non in caso di estrema necessità, di ricorrervi nel 2014.

5) Se faccio le giornate al posto dell’ex festività (e queste ultime me le faccio pagare) ne guadagno?
Vero.

6) Se chiedo fino a 5 giornate di solidarietà l’azienda è obbligata a concedermele?
Vero. È sufficiente concordare con la Banca i giorni di calendario della propria assenza.

Ci rendiamo anche conto che molti colleghi avranno oggettive difficoltà ad aderire a questa iniziativa, data la comprovata carenza di organici ed i pesanti carichi di lavoro a cui sono sottoposti: invitiamo tutti quei colleghi che, pur avendo la volontà di aderire, si sentono in obbligo di rinunciare per senso di responsabilità, a segnalarci le loro difficoltà utilizzando anche l’indirizzo mail:
osservatorioetico.gruppovenetobanca@informafisac.it
che garantisce a chi lo utilizza l’assoluta riservatezza.
E’ infatti ferma intenzione della Fisac aprire un serio e costruttivo confronto con l’azienda sulla necessità di adeguare gli organici alle reali esigenze operative della banca, cercando soluzioni che soddisfino anche le aspettative dei colleghi in tema di conciliazione dei tempi vita/lavoro.

7) Posso chiedere le giornate anche se ho un residuo ferie/banca delle ore/ex festività?
Vero.

8) È vero che un’adeguata adesione volontaria alle giornate di solidarietà favorisce il ricambio generazionale con l’assunzione di giovani?
Vero. L’obiettivo principale dell’Accordo è quello di favorire il ricambio generazionale: nuovi posti di lavoro stabili contro l’uscita di quei colleghi che avevano aderito all’esodo anticipato volontario, ma erano rimasti esclusi in quanto eccedenti al numero preventivato di 125.

____________________________________
Infine vi informiamo, come nostra prassi, che venerdì 13 p.v. è fissato un incontro/confronto con la Banca sull’annosa questione delle Pressioni Commerciali. Lo scopo è quello di arrivare a sottoscrivere un Protocollo che limiti e normi le spinte commerciali onde evitare inaccettabili eccessi da parte di chicchessia.
_____________________________________

Ridurre la forbice dei compensi tra Top Manager e lavoratori

“Non e’ più accettabile che nella crisi crescano le diseguaglianze. L’uguaglianza deve diventare la parola chiave con la quale affrontare il superamento di quella forbice che emerge nel confronto tra le retribuzioni dei lavoratori dipendenti e i compensi dei top manager.
Una distanza pari ad un rapporto 1 a 163 con il lavoratore dipendente inchiodato a 26 mila euro e gli amministratori delegati mediamente oltre i 4 milioni di euro”.
Ad affermarlo in una nota e’ il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale.

ALLEGATO
Peri$copio n. 37

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp