Banca Popolare di Vicenza: ferie, ex festivita’ e banca ore: diritti, doveri e…forzature



Ci viene riferito di forzature e comportamenti poco corretti riguardo la programmazione e la fruizione delle ferie, delle ex festivita’ e della banca ore. Facciamo chiarezza.

FERIE
– Nell’ipotesi di accordo del nuovo CIA di Gruppo si e’ stabilito che le ferie debbano essere programmate ed usufruite entro l’anno di competenza.
Come noto le ferie non godute costituiscono un debito per l’azienda che “pesa” nel bilancio a causa degli accantonamenti necessari (
oltre 3,5mln di € di Gruppo).
Negli ultimi anni a settembre con inviti e con modi più o meno eleganti, si imponeva di “smaltire” l’arretrato.
Come da
CIRCOLARE N. 8904/S del 24.1.2014, tutti i colleghi hanno pianificato le loro ferie, e le stesse sono state validate entro e non oltre venerdì 14 febbraio. Come previsto dalla disciplina normativa, bisogna permettere a tutti il necessario recupero psico-fisico attraverso lo strumento delle ferie e soprattutto con la certezza che queste non vengano annullate, spostate e/o spezzettate.
Tale programmazione, che dovrà essere rispettata, potrà subire eventuali variazioni solo in casi eccezionali e di comune intesa tra il lavoratore interessato e l’azienda. Invitiamo quindi l’Azienda a considerare con buon senso certe forzature “commerciali” che ci riferiscono essere fatte a molti colleghi!

EX FESTIVITA’- Nulla e’ cambiato. Quanto ai permessi per ex festività (per il corrente anno 4 giornate), si ricorda che, in caso di mancata fruizione nel periodo 16 gennaio – 14 dicembre 2014, si farà luogo alla loro monetizzazione, ai sensi e per gli effetti dell’art. 56 del CCNL 19 gennaio 2012, con la retribuzione del mese di febbraio successivo all’esercizio in corso. Il CCNL stabilisce che la richiesta di utilizzo va effettuata con congruo preavviso.
Non devono quindi essere obbligatoriamente pianificate.

BANCA DELLE ORE
– Nell’ipotesi di accordo del nuovo Cia si stabilisce che gli arretrati di banca delle ore debbano essere fruiti entro il 2014.
In presenza di residui superiori alle 100 ore la fruizione potrà avvenire entro giugno del 2015.
Queste ore però non devono essere assolutamente programmate e nessun caposervizio o direttore di filiale può imporre l’utilizzo coercitivo di tale disponibilità.


Organo di Coordinamento Gruppo BPVi
DIRCREDITO – FABI – FIBA/CISL – FISAC/CGIL – UGL

ALLEGATO
Comunicato Organo di Coordinamento Gruppo BPVi

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su