Ispezioni agli agenti che non applicano il CCNL Anapa/Unapass



LE DIREZIONI TERRITORIALI DEL LAVORO SI ATTIVANO PER LE ISPEZIONI AGLI AGENTI CHE NON APPLICANO IL CCNL DI RIFERIMENTO SOTTOSCRITTO IL 20.11.2014 DA FIBA/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – FNA CON ANAPA E UNAPASS

Le Direzioni Territoriali del Lavoro (DTL) si sono attivate per dar corso alla loro funzione di vigilanza ispettiva, al fine di garantire la corretta applicazione del C.C.N.L. di riferimento nel settore delle
agenzie assicurative in gestione libera.

In data 24 marzo 2015, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con nota n. 32/0005623/MA001.A002, a firma congiunta dei Direttori Generali della tutela delle condizioni di lavoro e delle relazioni industriali e dell’attività ispettiva, aveva invitato le Direzioni Territoriali a vigilare, nel settore delle agenzie assicurative in gestione libera, in ordine al C.C.N.L. applicato per garantire il pieno rispetto sia della disciplina in materia di regolarità contributiva ed assicurativa che della normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Ora, in data 16 aprile 2015, è
la Direzione Territoriale del Lavoro di Bologna che, con nota Prot. n. 13625 inviata anche alle “Associazioni datoriali”, interviene in merito all’applicazione del CCNL nel settore delle agenzie assicurative in gestione libera per ribadire, così recita testualmente la nota “…la necessità di applicare il CCNL sottoscritto dalle OO.SS. comparativamente più rappresentative per garantire il pieno rispetto della disciplina in materia di lavoro e al fine di prevedere la miglior tutela per i lavoratori interessati…”.

La nota della Direzione Territoriale del Lavoro di Bologna prosegue rammentando che
“…l’adesione a un CCNL non sottoscritto da Organizzazioni comparativamente più rappresentative comporta che il datore di lavoro non possa fruire delle agevolazioni normative e contributive previste dalla normativa vigente…”.

Appare evidente, e anche la nota della Direzione Territoriale del Lavoro ne rappresenta – di fatto – la conferma, che l’accordo sottoscritto, per le Agenzie assicurative in gestione libera, da SNA con le Associazioni Sindacali Fesica e Fisals Confsal, che sono del tutto prive di effettiva e genuina rappresentatività nel settore, non avendo questi requisiti, espone quegli Agenti che, imprudentemente, avessero assunto la decisione di applicare tale accordo ai loro dipendenti, a violazioni delle normative di legge vigenti con sanzioni anche molto pesanti a loro carico.

Questo “rischio” – per gli incauti Agenti che avessero applicato l’accordo SNA, tagliando così diritti normativi e ottenendo ingiusti risparmi economici a danno dei loro dipendenti, cioè di quelle persone che con il loro lavoro quotidiano, con la loro professionalità, mandano avanti le agenzie assicurative – era stato palesato fin da subito dalle scriventi Organizzazioni Sindacali; ora, il rischio sta per trasformarsi in una realtà molto spiacevole (e onerosa in termini economici), per quegli Agenti che hanno deciso di seguire improvvidamente i consigli di SNA.

Infatti la Direzione Territoriale del Lavoro di Bologna conclude la sua nota preannunciando
“…prossime verifiche ispettive sull’applicazione del C.C.N.L. sottoscritto dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative e per il recupero di eventuali agevolazioni normative e contributive indebitamente fruite …”.

L’iniziativa della Direzione Territoriale di Bologna e le verifiche ispettive sono destinate a propagarsi rapidamente anche in tutti gli altri territori, con conseguenti provvedimenti e sanzioni a carico di quei datori di lavoro che avranno scelto di non applicare il C.C.N.L. di riferimento del settore.

Da parte nostra,
invitiamo e sollecitiamo, ancora una volta, gli Agenti che ancora non lo avessero fatto, ad applicare senza indugio il C.C.N.L. sottoscritto il 20.11.2014 dalle scriventi Organizzazioni Sindacali – Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Fna e Uilca – con Anapa e Unapass; sarebbe un atto di correttezza verso i dipendenti e, nello stesso tempo, un modo per evitare di incorrere in seri problemi… chi volesse è, al momento, ancora in tempo per fare la scelta giusta.

Certamente continueremo, con determinazione, a dare supporto, per quanto di nostra competenza, al lavoro delle Istituzioni pubbliche che svolgono l’attività di vigilanza fornendogli, in tutti i territori, con le apposite denunce del caso, gli elementi necessari per individuare e ispezionare le agenzie che non applicano il C.C.N.L. che abbiamo sottoscritto, difendendo e tutelando fino in fondo tutti i diritti normativi ed economici delle lavoratrici e dei lavoratori del settore.

Roma, 17 aprile 2015

Le Segreterie Nazionali Fiba/Cisl – Fisac/Cgil – Fna – Uilca

ALLEGATO
Comunicato Sindacale

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su