Eletta la nuova Segretaria della Fisac Cgil di Vicenza: Cinzia Lanaro



Cinzia Lanaro, 53 anni, trasteverina di Vicenza città ma domiciliata a Poiana Maggiore, dipendente di Unicredit, è stata eletta oggi segretaria generale dall’assemblea della FISAC di Vicenza e provincia. Succede a Stefano Garbin che conclude il suo mandato per intraprendere altri incarichi.

“Siamo in un momento storico difficile per il settore bancario”, afferma la neo segretaria. “Per fare un paragone facile, noi dipendenti siamo la foglia di insalata del sandwich”, prosegue Lanaro: “sopra abbiamo i dirigenti che sottopongono i bancari a pressioni commerciali tali da dover sempre superare il budget. Dall’altra i clienti spesso arrabbiati, delusi e preoccupati!”

“Ci vuole grande equilibrio oggi a fare il bancario”, spiega la neo segretaria, e continua: “noi invitiamo i lavoratori a rispettare le regole e a non farsi sopraffare dalle richieste impossibili dei certi dirigenti. E’ il cliente della banca per cui lavoriamo ad essere al centro del nostro lavoro!”
“Mi batterò sempre”, sottolinea Lanaro, “perché siano rispettati i codici etici e le regole; e naturalmente il benessere dei lavoratori!”
“Dobbiamo tornare a fare banca”, continua la segretaria generale, “non per il risultato immediato, ma per costruire una relazione duratura e di fiducia con il cliente”.

Sul capitolo delle banche venete (BPVi e VB) Cinzia Lanaro afferma: “da una parte siamo preoccupati per gli esuberi, e dall’altra siamo preoccupati per l’equilibrio di Banca Intesa: speriamo che non subisca contraccolpi dopo l’operazione di accorpamento!”

“Ci rassicura il fatto che in Banca Intesa-San Paolo la Fisac Cgil è il primo sindacato”. A buon intenditore poche parole.

Altra problematica che dovrà essere gestita (qui a livello nazionale) è quella del contratto “pirata” delle assicurazioni: “dobbiamo fare la nostra parte perché vengano riconosciuti i diritti dei lavoratori del comparti assicurativo che oggi hanno un contratto nazionale non adeguato!”, afferma Cinzia Lanaro.

Sul versante del mercato del lavoro nell’ambito bancario e assicurativo, la segretaria generale afferma: “il mondo del lavoro come sappiamo sta cambiando e dobbiamo essere in grado di tutelare anche tutti quei colleghi bancari del settore vendite che operano con partita IVA. La nostra logica è quella dell’inclusione”.

La segretaria generale inoltre sottolinea la continuità nel campo della formazione dei quadri sindacali e delle RSA. Inoltre si impegna a diffondere sempre più l’utilizzo da parte degli iscritti dei servizi CGIL.

Per chiudere il capitolo delle fusione delle BCC: “siamo favorevoli, ma vigileremo per tutelare i dipendenti!”

Temi che vengono confermati in linea di massima dalla segretaria generale regionale Chiara Canton: “Cinzia sarà chiamata ad un ruolo di grande responsabilità”, afferma la numero uno veneta della FISAC. “Vicenza infatti è la provincia dove ha sede BPVI e tante son le incognite che si prospettano per la chiusura in Veneto di centinaia di sportelli”.

“Si parla per le due banche (BPVI e VB) di 3900 esuberi di cui 1500 dovrebbero essere pre-pensionati”, continua Canton, “Gli altri 2400 a questo punto saranno “spalmati” sull’intero gruppo Intesa San Paolo?”

Secondo Canton si presenterà un importante problema di mobilità territoriale dei dipendenti delle due banche popolari e Vicenza sarà particolarmente interessate perché sede della direzione e di tutti i servizi centrali di BPVI.

Il segretario generale della CGIL di Vicenza e provincia Giampaolo Zanni ha ringraziato Stefano Garbin per i 7 anni di servizio in FISAC di Vicenza e per aver affrontato tutti i temi che interessano ancora oggi il settore. Zanni ha espresso soddisfazione perché ad essere eletta è stata una segretaria donna e una persona che è perfettamente in grado di portare avanti il lavoro fin qui svolto con competenza e passione, aiutata da una squadra affiatata e coesa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp
Torna su