Veneto Banca: non si può parlare solo di solidarietà



Veneto Banca: non si può parlare solo di solidarietà

Mercoledì 4 settembre 2013 ci siamo incontrati con l’azienda per completare l’articolato del testo della contrattazione di secondo livello in seguito all’allineamento della scadenza del CIA per il personale appartenente ai Quadri Direttivi e alle Aree Professionali alle dipendenze di Veneto Banca a quella del CCNL, 30/06/2014, fatta eccezione per l’accordo sui Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Durante l’incontro è stato inevitabile ritornare sul
tema della solidarietà in quanto riteniamo che la circolare n.016/2013 emessa dalla banca il 02/09/2013 non fornisca un’informativa corretta e completa ai colleghi in merito ai contenuti dell’Accordo sottoscritto tra le parti il 28 agosto 2013, proposto dall’azienda e che le OO.SS. si sono rese disponibili a valutare in un’ottica espansiva dell’occupazione, del rafforzamento delle tutele per tutti, a partire dalla contrattazione aziendale.

I colleghi ci hanno sommerso di domande e richieste di chiarimenti e la banca ha condiviso la necessità di fornire delle risposte chiare e inequivocabili.

Ci è stato promesso che in tempi brevissimi sulla Intranet Aziendale verrà predisposta una FAQ (“domande frequenti”) per rispondere a domande quali: E’ vero che nel caso in cui l’INPS non eroghi alcun assegno ordinario, le giornate già eventualmente fruite a titolo di solidarietà difensiva verranno imputate a titolo di ex festività, ferie, banca ore a disposizione? Se presento la domanda per fruire delle giornate di solidarietà l’azienda può rifiutarsi di concedermele? L’azienda ha piacere se chiedo di fruire di giornate di astensione volontaria di lavoro? Come viene calcolato l’importo della retribuzione non percepita in caso di astensione volontaria dal lavoro e il relativo assegno erogato dal Fondo di Solidarietà? Per l’effettivo contributo erogato nel mese solare in caso di astensione per più giornate esistono dei massimali? Per quanto riguarda i versamenti ai fini previdenziali (TFR e Fondo di Pensione) in caso di astensione volontaria dal lavoro esistono delle penalizzazioni? Che effetto hanno le giornate di solidarietà fruite sul calcolo della mia tredicesima mensilità? Se fruisco di un periodo di solidarietà a cavallo di un week-end (da giovedì a martedì) quanti giorni di retribuzione mi vengono trattenuti? Per ogni giornata di solidarietà fruita ho comunque diritto al buono pasto? Le giornate di solidarietà fruite in un mese comportano delle ripercussioni sui permessi previsti per i beneficiari della Legge 104? In caso di ripensamento posso ritirare la mia domanda di fruizione della solidarietà? Qualora avessi la necessità di modificare le date indicate in fase di presentazione della domanda, posso effettuare delle modifiche? Se, mentre sto fruendo delle giornate di astensione volontaria dal lavoro, dovessi ammalarmi cosa succede? Nel caso in cui dovesse verificarsi un infortunio sul lavoro o dovessi ammalarmi e ciò impedisse la fruizione delle giornate di solidarietà pianificate cosa succede? Come vengono calcolati la retribuzione e l’assegno ordinario di solidarietà per le assenze nelle giornate semi-festive (patrono, 24 dicembre, 31 dicembre)? Posso fruire delle giornate frazionandole in ore o in mezze giornate? La fruizione delle giornate di solidarietà in coincidenza di una giornata di festività soppressa cosa comporta? Se decido di fruire di un periodo di maternità facoltativa, al mio rientro di quanti giorni di solidarietà posso fruire? Sono un collega che accederà al Fondo Esuberi dall’1 gennaio 2014. Quante giornate di solidarietà posso richiedere? Posso richiedere giornate di solidarietà anche se non ho ancora terminato la mia dotazione di ferie, banca ore ed ex festività? ecc. ecc.

Abbiamo inoltre chiesto all’azienda di fissare un calendario per confrontarci sul resto dei temi giacenti sul tavolo e che abbiamo più volte elencato (Protocollo sulle Pressioni Commerciali, Incontro annuale, Assistenza sanitaria, Polizze assicurative per i dipendenti, Armonizzazione e Fondo Pensione Carifac).

Al momento, come stabilito in precedenza, è stato fissato il 25 settembre 2013 per incontrare Europa Benefits in merito alla Polizza Sanitaria.

Inoltre le OO.SS. hanno chiesto un incontro anche per venerdì 13 settembre p.v. per affrontare l’annoso tema delle
Pressioni Commerciali: sono state raggiungente soglie di insostenibilità e pertanto riteniamo che sia ineludibile un segnale chiaro sulla volontà di intervenire per abbassare la tensione su comportamenti al limite della tollerabilità. Ci chiediamo se quella disponibilità più volta dichiarata di analizzare le proposte che le OO.SS. hanno già da tempo sottoposto, sia reale o se si voglia continuare a voler ignorare quello che sta accadendo in modo sempre più diffuso (report individuali giornalieri, atteggiamenti lesivi della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori, minacce più o meno velate, ecc.) e con evidenti ripercussioni sulla motivazione di chi continua a lavorare con tutte le difficoltà che contraddistinguono l’attuale contesto economico.

Per concludere, relativamente ai
rimborsi Faro, informiamo gli interessati che il CDA dovrebbe presto deliberare l’erogazione dei fondi per effettuare il pagamento delle pratiche ancora in sospeso per ora con l’esclusione delle spese dentarie.

Montebelluna, 6 settembre 2013

DIRCREDITO – FABI – FIBA – FISAC- UILCA

ALLEGATO
Comunicato unitario

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp