CCNL Agenzie di Assicurazione: “Lettera Aperta ai Presidenti dei Gruppi Agenti”



Con la presente le OO.SS. Fiba Cisl, Fisac Cgil, Fna e Uilca – vista la volontà dello Sna di fare applicare ai propri agenti generali associati l’accordo da noi ritenuto nullo, sottoscritto in data 10/11/2014 tra questa associazione e CPMI con altri due sindacati dei lavoratori domestici e stranieri, Fesica Confsal e Confsal Fisals, ritenuti privi dei requisiti indispensabili di rappresentatività previsti dalle normative vigenti – comunicano l’avvenuto deposito nelle competenti sedi ministeriali ed Inps del CCNL di riferimento della categoria dei dipendenti delle agenzie di assicurazione in gestione libera 2012/2015.

Ribadiscono, altresì, che l’unico valido Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della categoria è quello sottoscritto in data 20.11.2014, quale rinnovo del contratto scaduto il 31.12.2011, dalle scriventi Organizzazioni sindacali con le altre associazioni datoriali Anapa ed Unapass.

Pertanto, come già espresso nella diffida inviata allo Sna in data 2 dicembre 2014, vi invitano alla sua puntuale esecuzione, precisando che taluni contenuti dell’accordo firmato dallo Sna presentano profili di invalidità (la stessa CONFCOMMERCIO con comunicazione n. 49 del 18 dicembre, a norma di statuto, art. 10 IV comma, ha invitato i propri aderenti al sistema Confederale a non dare corso all’applicazione di tale accordo).

Inoltre, esistono punti dell’accordo Sna in contrasto con le norme di legge (es. assenza di continuità contrattuale, diminuzione stipendiale, l’azzeramento dell’anzianità maturata, i periodi di prova, la normativa sull’apprendistato, il pagamento della 13° mensilità in rate mensili; le misure delle ferie e le relative norme di godimento e altro ancora), per cui le scriventi Segreterie Nazionali e tutte le loro strutture regionali e territoriali si riservano ogni e qualsivoglia azione, in qualsiasi sede, nel caso in cui dovesse proseguire la pretesa di volere applicare i contenuti di detto accordo da noi ritenuto nullo.

Ciò al fine di accertare il corretto trattamento economico e normativo spettante alle lavoratrici e ai lavoratori già in servizio, con le relative conseguenze di condanna e di pagamento del dovuto.

Ove, invece, esistesse, la volontà di applicare l’unico CCNL di categoria, vigente e legale, rinnovato il 20 novembre scorso dalle sottoscritte OO.SS., non è necessario alcun adempimento formale da attuare nei confronti dei propri dipendenti.

Distinti saluti

Le Segreterie Nazionali
Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, FNA, Uilca

ALLEGATO
Lettera Aperta

Share on facebook
Share on twitter
Share on print
Share on email
Share on whatsapp